Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
D-M-D
Dati statistici
Dawes, piano
Dax
Dazi ad valorem
Dazi all'importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi d'esportazione
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Viti De Marco, Antonio
Deadline
Dear money
Debito consolidato
Debito d'imposta
Debito della Pubblica Amministrazione
Debito estero
Debito fluttuante
Debito pubblico
Debito pubblico allargato
Debito pubblico irredimibile
Debreu, Gérard
Decelerazione
Decentramento amministrativo e fiscale
Decentramento produttivo
Decili
Decision theory
Decision tree
Decisioni, teoria delle
Decollo
Deconglomerating
Decoupling
Deduzione
Deficit
Deficit pubblico
Deficit spending
Deficit strutturale
Deflatore implicito
Deflazione
Del Vecchio, Gustavo
Delphi
Demand-pull
Demanio
Dematerializzazione dei titoli di credito
Dematerializzazione della moneta
Democrazia
Demografia
Demonetizzazione
Demoskopea
Denaro
Denaro a buon mercato
Denaro caldo
Denaro elastico
Denaro fresco
Denison, Edward Fulton
Depletion allowance
Deporto
Deposito a risparmio
Deposito a vista
Deposito bancario
Deposito in conto corrente
Deposito postale
Deposito reale
Deposito vincolato
Depressione
Deprezzamento
Depth interview
Deregulation
Derivata
Derivati
Design
Design to cost
Despecializzazione bancaria
Despecializzazione del credito
Destagionalizzazione
Determinante
Detrazioni d'imposta
Deverticalizzazione
Devianza
Diagramma
Diagramma a barre
Diagramma a dispersione
Diagramma cartesiano
Diagramma circolare
Diagramma di redditività
Diagramma polare
Diagrammi di Venn
Dichiarazione tributaria
Dicotomia neoclassica
Differenza interdecile
Differenza interquartilica
Differenza prima
Differenza semplice media
Differenza stagionale
Differenza successiva
Differenze medie
Differenziale
Differenziale semantico
Differenziali salariali
Differenziazione del prodotto
Diffusione dell'imposta
Dilemma del prigioniero
Dilemma di Disneyland
Dils
Dimensione campionaria
Dimostrazione, effetto di
Dinamica economica
Dipendenza, teoria della
Dirigismo
Diritti di compensazione
Diritti di proprietà
Diritti doganali
Diritti speciali di prelievo
Diritto di conio
Disaggio
Disavanzo
Disavanzo nei pagamenti con l'estero
Disavanzo primario
Disavanzo pubblico
DISC
Discordanza
Discounted Cash Flow
Discriminazione dei prezzi
Discriminazione dei redditi
Diseconomie
Diseconomie di scala
Disequilibrio
Disincentivo
Disinflazione
Disintermediazione del credito
Disintermediazione finanziaria
Disinvestimento
Dismissione
Disoccupazione
Disoccupazione ciclica
Disoccupazione frizionale
Disoccupazione involontaria
Disoccupazione strutturale
Disoccupazione tecnologica
Disoccupazione volontaria
Disoccupazione, saggio naturale di
Dissaving
Distorsione
Distorsione statistica
Distretto industriale
Distribuzione
Distribuzione campionaria
Distribuzione commerciale
Distribuzione congiunta
Distribuzione degenere
Distribuzione del reddito
Distribuzione doppia
Distribuzione funzionale
Distribuzione integrata
Distribuzione personale
Distribuzione unimodale
Disutilità
Dit
Dittatura del proletariato
Diversificazione
Diversificazione a macchia d'olio
Diversificazione conglomerale
Diversificazione finanziaria
Diversificazione territoriale
Diversione degli scambi
Dividendo
Dividendo fiscale
Divisa
Divisia
Divisione del lavoro
Divisione internazionale del lavoro
Divorzio Bankitalia/Tesoro
Dobb, Maurice Herbert
Documento amministrativo unico
Documento di programmazione economica e finanziaria
Dogs
Dollar gap
Dollar glut
Dollar premium
Dollar standard
Dollaro
Domanda
Domanda ad angolo
Domanda aggregata
Domanda compensata
Domanda di mercato
Domanda di moneta
Domanda individuale
Domanda, curva di
Domar, Evsey David
Domestic credit expansion
Domestic currency swap
Doppia forbice
Doppia imposizione
Doppio mercato dei cambi
Dorfman, Robert
Douglas, Paul Howard
Dow Jones
Downs, Anhony
Doxa
DPEF
Drawback
Drenaggio fiscale
DSP
Dual income tax
Dualismo economico
Duesenberry, James
Dumping
Duopolio
Duopolio di Bertrand
Duopolio di Cournot
Duopsonio
Duration
Duty free shop




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Distribuzione funzionale

Espressione riferita alla ripartizione del reddito nazionale (v.) fra i fattori che partecipano al processo produttivo.
In particolare il reddito viene distribuito sotto forma di:
salari (v.), quando ad essere remunerato è il fattore produttivo lavoro;
rendite (v.), quando viene remunerato il proprietario del fattore produttivo terra;
profitti (v.), quando la retribuzione spetta all'imprenditore per le sue capacità organizzative;
interessi (v.), quando si remunera il fattore capitale per il contributo che fornisce al processo produttivo.
La distribuzione funzionale del reddito è stata oggetto di analisi sia da parte di economisti classici che neoclassici, anche se il loro approccio al problema è profondamente diverso.
Nell'analisi degli economisti classici, ed in particolare di Ricardo (v.) e Marx (v.), vi è una netta distinzione tra quella parte del reddito nazionale che deve essere utilizzata per reintegrare i fattori produttivi utilizzati nel processo produttivo precedente e ciò che, invece, costituisce un sovrappiù (v.): sarà proprio la distribuzione di quest'ultima grandezza a rappresentare uno dei nodi centrali del dibattito economico.
Per gli economisti classici, infatti, alla ripartizione del reddito nazionale concorrono tre diverse classi sociali (per questo motivo l'analisi classica della distribuzione del reddito viene anche definita distribuzione sociale del reddito): i lavoratori, i proprietari terrieri e gli imprenditori che vengono remunerati rispettivamente attraverso il salario, la rendita ed i profitti (nell'analisi classica quest'ultima categoria ricomprende anche gli interessi in quanto nella prima metà dell'Ottocento non era ben distinta la funzione dell'imprenditore da quella del capitalista ovvero tra colui che organizza i fattori della produzione e colui che fornisce i capitali per poter avviare il processo produttivo).
Poiché il salario è fissato al livello di sussistenza, la parte residua del reddito non distribuito serve a remunerare i proprietari terrieri, in quanto possessori del fattore produttivo terra, e gli imprenditori.
Per entrambi gli autori il salario era fissato al livello di sussistenza anche se i motivi che determinano questa ipotesi sono diversi. In particolare:
— per Ricardo tale livello è assicurato dall'operare della trappola malthusiana (v.). Secondo quest'ultima, infatti un maggior reddito dei lavoratori avrebbe determinato una crescita della popolazione che a sua volta, nel lungo periodo avrebbe determinato una maggiore offerta di lavoro e quindi una riduzione dei salari, che sarebbero ritornati al livello di sussistenza;
per Marx il salario è fissato al livello di sussistenza per motivi caratteristici del sistema capitalistico. Se l'offerta di lavoro è superiore alla sua domanda l'imprenditore può assumere operai ad un basso livello di salario (intorno al livello di sussistenza) e quindi assicurarsi un alto tasso di profitto. Gli alti profitti costituiscono un incentivo per l'imprenditore ad aumentare la capacità produttiva della propria azienda assumendo nuovi operai. Tuttavia, all'aumentare del numero di operai impiegati si creerà una riduzione dell'offerta di lavoro rispetto alla domanda per cui i lavoratori potranno richiedere salari più alti, riducendo il margine di profitto degli imprenditori. Questi ultimi, in presenza di una riduzione dei propri guadagni, tenderanno ad introdurre metodi di lavoro che danno un ruolo preponderante ai macchinari rispetto al lavoro, provocando un nuovo aumento della disoccupazione che riporterà il salario al livello di sussistenza.
Nell'analisi di Ricardo il vero conflitto nella distribuzione del reddito era rappresentato dalla ripartizione tra rendite e profitti; come egli sottolineò un aumento delle rendite riduce il profitto imprenditoriale, generando un conflitto nella distribuzione del sovrappiù. Nell'analisi di Marx, invece, la rendita scompare (o comunque non riveste quel ruolo preponderante che essa assumeva nell'analisi ricardiana) ed il vero conflitto distributivo consiste nella ripartizione del reddito tra salari e profitti, con tutte le implicazioni politiche e sociali che da tale analisi derivano.
Gli evidenti conflitti distributivi messi in luce dalla teoria marxiana, portarono gli economisti neoclassici (v.) ad impostare diversamente il problema della distribuzione del reddito, pur riallacciandosi alla teoria ricardiana della distribuzione ed in particolare al concetto di produttività marginale (v.) messo in evidenza dall'economista inglese. Tuttavia, mentre per Ricardo il concetto di produttività marginale era associato soltanto al fattore terra, i neoclassici l'estesero all'analisi di tutti gli altri fattori della produzione.
Secondo i neoclassici, infatti, poiché il prodotto è il risultato della combinazione di diversi fattori produttivi, il reddito sarà distribuito a ciascuno di essi nella misura del contributo apportato al processo produttivo in base, cioè, al valore della loro produttività marginale.
Attraverso la teoria della produttività marginale gli economisti neoclassici risolvono il problema del sovrappiù. Se infatti ogni fattore produttivo è remunerato secondo il contributo apportato al processo produttivo, saranno soddisfatti due principi fondamentali:
dell'efficienza, in quanto il reddito sarà effettivamente distribuito solo a fattori che hanno concorso alla produzione;
dell'equità, in quanto ad ognuno toccherà una remunerazione pari al contributo apportato.
La critica alla teoria neoclassica della distribuzione del reddito è stata arricchita soprattutto da Sraffa (v.) e sostenuta dai neoricardiani (v.). Le due idee cardini della loro critica sono:
— il capitale non può essere definito come qualcosa di omogeneo, in quanto è composto da beni molto diversi tra loro ciò rende difficile sottoporlo alla regola della produttività marginale;
— non è assolutamente provato che un aumento del fattore capitale (tenuti costanti gli altri fattori produttivi) ne riduce la produttività marginale e, di conseguenza, il tasso di remunerazione.
Se si suppone che diminuisca il profitto non si può semplicemente affermare che il valore dei beni capitali è diminuito poiché si determinerà una variazione di tutti i beni capitali.
In particolare:
— i beni prodotti con alta intensità di capitale subiranno una riduzione di prezzo;
— i beni prodotti con alta intensità di lavoro aumenteranno di valore.
Per questo motivo non è corretto affermare che, all'aumentare della dotazione di capitale, vi sarà una variazione nel valore del capitale stesso. Importanti i contributi al dibattito relativo alla distribuzione del reddito si devono, inoltre, a Kalecki (v.) e Kaldor (v.).
Il primo, abbandonando le ipotesi neoclassiche della piena mobilità dei fattori produttivi e l'idea che in regime di concorrenza perfetta (v.) i prezzi siano determinati da libero gioco della domanda e dell'offerta, pone in evidenza come la determinazione dei salari e dei profitti sia influenzata da altre variabili. In un moderno sistema economico il salario monetario è determinato dalla contrattazione collettiva sostenuta dai sindacati. La grandezza fondamentale non sono tuttavia i salari monetari, bensì quelli reali che sono dati dal rapporto tra il salario ed i prezzi.
Per Kalecki questi ultimi sono fissati dall'impresa prendendo in considerazione la media dei suoi costi ed i prezzi praticati dalle altre imprese che operano nel medesimo settore. È chiaro che quanto maggiore sarà il potere di mercato dell'impresa tanto più elevati saranno i prezzi che potrà imporre, determinando un aumento dei profitti ed una riduzione dei salari reali; si determinerà così una distribuzione del reddito tra salari e profitti che non risulta in alcun modo legata al concetto neoclassico di produttività marginale.
Nell'elaborazione dell'analisi kaldoriana, invece, si parte dalla constatazione che in una moderna economia capitalistica si opera in condizioni di pieno impiego (a causa delle politiche di sostegno all'occupazione attuate dai vari governi nazionali) per cui ogni aumento degli investimenti, non potendo generare un più alto volume produttivo, si ripercuoterà unicamente sui prezzi e quindi sui profitti dei capitalisti. In quest'ottica l'unica grandezza che è in grado di influenzare la distribuzione del reddito sono gli investimenti (attraverso gli effetti che essa determina sui prezzi); una volta determinati i prezzi (ed i profitti) il salario sarà considerato semplicemente come un reddito residuale.
È da notare che secondo questa teoria soltanto i capitalisti possono risparmiare una quota tanto elevata del loro reddito da incidere sensibilmente sul volume degli investimenti; le cause di tale affermazione sono ovvie se si tiene conto delle differenze che esistono tra il reddito percepito e quello utilizzato per consumi dai capitalisti e dalle somme che vengono periodicamente accantonate dalle imprese per investimenti futuri.