Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
CAC 40
CACM
Caffè, Federico
Calcolo delle probabilità
Call
Call loan
Call money
Call of more
Call option
Call premium
Call provisions
Calmiere
Cambiale
Cambio
Cambio a pronti
Cambio a termine
Cambio amministrato
Cambio effettivo
Cambio fisso
Cambio flessibile
Cambio fluttuante
Cambio reale
Cambridge
Cambridge controversy
Campagna di vendita
Campagna hard selling
Campagna pubblicitaria
Campionamento
Campionamento a grappoli
Campionamento a più stadi
Campionamento a probabilità variabile
Campionamento a scelta ragionata
Campionamento casuale semplice
Campionamento per quote
Campionamento stratificato
Campione
Campo di variazione
Canale di distribuzione
Canali di creazione della base monetaria
Capacità contributiva
Capacità produttiva
Capacità utilizzata
Capital asset princing model
Capital gain
Capital intensive
Capital loss
Capital shortage
Capital stock
Capitale
Capitale circolante
Capitale finanziario
Capitale fisso
Capitale sociale
Capitale umano
Capitali erratici
Capitalismo
Capitalismo anglosassone
Capitalismo renano
Capitalizzazione composta
Capitalizzazione dell'imposta
Capitalizzazione di Borsa
Capitalizzazione semplice
CAPM
Captive
Captive factoring
Carattere
Caribbean community and common market
Carico fiscale
CARICOM
Carta dell'Avana
Carta di credito
Carta moneta
Cartello
Cartello interbancario
Cartismo
Cartogramma
Case history
Case method
Cash cows
Cash flow
Cash management
Cassa depositi e prestiti
Cassa di compensazione
Cassa di compensazione e garanzia
Cassa di risparmio
Cassa integrazione guadagni
Cassa per il Mezzogiorno
Cassa rurale ed artigiana
Cassel, Karl Gustav
Cassettista
Casualità
Catching-up
Catena del valore
Catena di Markov
Catena di montaggio
CATI
Cattredrale nel deserto
Causalità
CBR
CCA
CCT
CCT convertibili
CDR
CE
CECA
CEDEAO
Cedola
CEE
CEEA
CEEAC
CEFTA
Ceiling
Ceiling and floor
CEMAC
CEN
Censimento
CENSIS
Central America Common Market
Central Europe Free Trade Agreement
Centri di costo
Centri di profitto
Centri di responsabilità
Centri di ricavo
Centri finanziari off-shore
Centri operativi
CEP
Certificati del Tesoro
Certificati del Tesoro zero coupon
Certificato di deposito
Certificato di deposito in valuta
Certificato di importazione
Certificato di origine
Certo per incerto
CES [Comitato economico e sociale]
CES [Confederazione sindacale europea]
Cespite
Ceteris paribus
CGIL
Chaebol
Chamberlin, Edward Hastings
Charm price
Cheap money
Cheapest to deliver
Chi-quadrato
Chi-quadrato [variabile casuale]
Chiavi in mano
Chicago, scuola di
Chiusura contrattazioni
Chozrascët
Churning
Ciclo
Ciclo delle scorte
Ciclo di produzione
Ciclo di rientro del capitale
Ciclo di vita del prodotto
Ciclo economico
Ciclo elettorale
Ciclo Juglar
Ciclo Kitchin
Ciclo Kondrat'ev
Ciclo operativo di Borsa
Ciclo tecnico
Ciclo vitale, teoria del
Ciclo-Trend
CICR
CIF
CIG
CIGS
CIP
CIPAA
CIPE
CIPES
CIPET
CIPI
Cipolla, Carlo Maria
Circolante
Circolazione fiduciaria
Circolazione forzosa
Circolazione monetaria
Circoli di qualità
Circolo vizioso della povertà
Circuito economico
CISAL
CISL
CISNAL
City
City code
Clark, Colin
Clark, John Bates
Clark, John Maurice
Classamento
Classe sociale
Classici
Clausola della nazione più favorita
Clausola di indicizzazione
Clausola di salvaguardia
Clausola-oro
Clay
Clearing
Clearing house
Cliometria
Closed shop
Clower, R. Wayne
Club di Parigi
Club di Roma
Club goods
CLUP
Cluster
CNA
CNEL
Coalizione
Coase, Ronald Harry
Coazione
COBAS
Cobb-Douglas, funzione di produzione
Code
Codice a barre
Codifica
Coefficiente di accelerazione
Coefficiente di capitale
Coefficiente di correlazione lineare
Coefficiente di determinazione
Coefficiente di regressione
Coefficiente di variazione
Coefficiente tecnico di produzione
Coerenza temporale
Cogestione
Cohort study
COI
Colbertismo
Coldiretti
Collettivismo
Collo di bottiglia
Collocare
Colloqui di gruppo
Colloqui in profondità
Collusione
Combinazione lineare
COMECON
COMESA
Comitati interministeriali
Comitato dei governatori
Comitato Economico e Sociale
Comitato nazionale dei prezzi
Comitato per l'Euro
Comitato provinciale per l'euro
Commercio
Commercio al dettaglio
Commercio all'ingrosso
Commercio ambulante
Commercio di Stato
Commercio internazionale
Commercio interno
Commercio regionale
Commercio stagionale
Commissione dell'Oceano Indiano
Commissione delle Comunità Europee
Commissione nazionale per le società e la Borsa
Commissione per il Danubio
Commitment
Commodity
Commodity market
Common Market of East and South Africa
Commonwealth
Compensation deal
Compensazione
Compensazione in senso stretto
Competitive lead time
Competitività
Componente stagionale
Comportamentismo
Composizione organica del capitale
Comunicazione d'impresa
Comunicazione globale
Comunicazione valutaria statistica
Comunismo
Comunismo di guerra
Comunità Economica degli Stati dell'Africa Centrale
Comunità Economica degli Stati dell'Africa Occidentale
Comunità europee
Concentrazione
Concentrazione di imprese
Concentrazione piramidale
Concertazione
Concordanza
Concorrenza
Concorrenza hit and run
Concorrenza imperfetta
Concorrenza monopolistica
Concorrenza perfetta
Concorrenza sleale
Condizione di Marshall-Lerner
Confagricoltura
Confapi
Confartigianato
Confcommercio
Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Confederazione Sindacale Europea
Confindustria
Confirming
Congelamento dei salari
Congestione
Congiuntura
Conglomerate
Coniazione
Connessione
Consiglio d'Europa
Consiglio del Mar Baltico
Consiglio dell'Intesa
Consiglio dell'Unione Europea
Consiglio di Borsa
Consiglio di Cooperazione Arabo
Consiglio di fabbrica
Consiglio Economico e Sociale
Consiglio Europeo
Consiglio Nordico
Consistenza
CONSOB
Consociata
Consolidamento
Consols
Consorzio di collocamento
Consorzio di imprese
Consumatore, teoria del
Consumerismo
Consumers panel
Consumismo
Consumo
Consumo, funzione del
Contabilità
Contabilità di Stato
Contabilità nazionale
Contabilità pubblica
Contante
Contingency theory
Contingent claim
Contingent markets
Contingentamenti
Contingenti tariffari
Contingenza
Contingenza statistica
Conto capitale
Conto corrente
Conto corrente di tesoreria
Conto corrente postale
Conto corrente [Bilancia dei pagamenti]
Conto del reddito
Conto della distribuzione del prodotto lordo
Conto della formazione del capitale
Conto delle amministrazioni pubbliche
Conto di risparmio
Conto di utilizzazione del reddito
Conto economico delle risorse e degli impieghi
Conto finanziario
Conto interbancario
Contracting out
Contrattazione continua
Contratti
Contratti derivati
Contratti di Borsa
Contratti di Borsa uniformi
Contrattualismo
Contribuente
Contributi all'esportazione
Contributi previdenziali
Convenience goods
Conversione del debito pubblico
Convertibilità
Cooperativa
Cooperazione Economica del Mar Nero
Coordinate
Copertura
Copertura del mercato
Corbeille
Core business
Core inflation
Corlett e Hague, regola di
Corn laws
Corner
Corporativismo
Correlazione
Correlazione Canonica
Correlazione seriale
Correttezza
Corset
Corso
Corso a contanti
Corso a termine
Corso cable
Corso chèque
Corso del cambio
Corso ex cedola
Corso forzoso
Corso legale
Corso pivot
Corso secco
Corso tel quel
Corvées
Cost Insurance and Freight
Costi comparati, teoria dei
Costi di transazione
Costituzionalismo economico
Costo
Costo del denaro
Costo del lavoro
Costo del lavoro per unità di prodotto
Costo della vita, indice del
Costo fisso
Costo marginale
Costo medio
Costo opportunità
Costo pieno, teoria del
Costo totale
Costo variabile
Cottimo
Counter purchase
Countertrade
Coupon
Coupon stripping
Cournot, Antoine-Augustin
Covarianza
Covarianza, analisi della
Covariazione
Crack
Crawling peg
Credit rating
Credit scoring
Credito
Credito totale interno
Crescita economica
Crescita zero
Crisi economica
Criteri di convergenza
Criteri di ponderazione dei numeri indice
Criterio della minimizzazione del gettito delle imposte
Criterio di compensazione
Criterio di destinazione
Criterio di origine
Critica di Lucas
Cross rate
Crowding out
Crude birth rate
Crude death rate
CTE
CTO
CTR
CTS
CTZ
Currency
Currency board
Currency school
Curva a campana
Curva ad U
Curva dei contratti
Curva dei rendimenti
Curva di domanda
Curva di domanda ad angolo
Curva di esperienza
Curva di Gauss
Curva di indifferenza
Curva di Laffer
Curva di Lorenz
Curva di offerta
Curva di Phillips
Curva di trasformazione
Curva J
Customer service
CVS
Cyert-March, teoria comportamentale dell'impresa di




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Distribuzione funzionale

Espressione riferita alla ripartizione del reddito nazionale (v.) fra i fattori che partecipano al processo produttivo.
In particolare il reddito viene distribuito sotto forma di:
salari (v.), quando ad essere remunerato è il fattore produttivo lavoro;
rendite (v.), quando viene remunerato il proprietario del fattore produttivo terra;
profitti (v.), quando la retribuzione spetta all'imprenditore per le sue capacità organizzative;
interessi (v.), quando si remunera il fattore capitale per il contributo che fornisce al processo produttivo.
La distribuzione funzionale del reddito è stata oggetto di analisi sia da parte di economisti classici che neoclassici, anche se il loro approccio al problema è profondamente diverso.
Nell'analisi degli economisti classici, ed in particolare di Ricardo (v.) e Marx (v.), vi è una netta distinzione tra quella parte del reddito nazionale che deve essere utilizzata per reintegrare i fattori produttivi utilizzati nel processo produttivo precedente e ciò che, invece, costituisce un sovrappiù (v.): sarà proprio la distribuzione di quest'ultima grandezza a rappresentare uno dei nodi centrali del dibattito economico.
Per gli economisti classici, infatti, alla ripartizione del reddito nazionale concorrono tre diverse classi sociali (per questo motivo l'analisi classica della distribuzione del reddito viene anche definita distribuzione sociale del reddito): i lavoratori, i proprietari terrieri e gli imprenditori che vengono remunerati rispettivamente attraverso il salario, la rendita ed i profitti (nell'analisi classica quest'ultima categoria ricomprende anche gli interessi in quanto nella prima metà dell'Ottocento non era ben distinta la funzione dell'imprenditore da quella del capitalista ovvero tra colui che organizza i fattori della produzione e colui che fornisce i capitali per poter avviare il processo produttivo).
Poiché il salario è fissato al livello di sussistenza, la parte residua del reddito non distribuito serve a remunerare i proprietari terrieri, in quanto possessori del fattore produttivo terra, e gli imprenditori.
Per entrambi gli autori il salario era fissato al livello di sussistenza anche se i motivi che determinano questa ipotesi sono diversi. In particolare:
— per Ricardo tale livello è assicurato dall'operare della trappola malthusiana (v.). Secondo quest'ultima, infatti un maggior reddito dei lavoratori avrebbe determinato una crescita della popolazione che a sua volta, nel lungo periodo avrebbe determinato una maggiore offerta di lavoro e quindi una riduzione dei salari, che sarebbero ritornati al livello di sussistenza;
per Marx il salario è fissato al livello di sussistenza per motivi caratteristici del sistema capitalistico. Se l'offerta di lavoro è superiore alla sua domanda l'imprenditore può assumere operai ad un basso livello di salario (intorno al livello di sussistenza) e quindi assicurarsi un alto tasso di profitto. Gli alti profitti costituiscono un incentivo per l'imprenditore ad aumentare la capacità produttiva della propria azienda assumendo nuovi operai. Tuttavia, all'aumentare del numero di operai impiegati si creerà una riduzione dell'offerta di lavoro rispetto alla domanda per cui i lavoratori potranno richiedere salari più alti, riducendo il margine di profitto degli imprenditori. Questi ultimi, in presenza di una riduzione dei propri guadagni, tenderanno ad introdurre metodi di lavoro che danno un ruolo preponderante ai macchinari rispetto al lavoro, provocando un nuovo aumento della disoccupazione che riporterà il salario al livello di sussistenza.
Nell'analisi di Ricardo il vero conflitto nella distribuzione del reddito era rappresentato dalla ripartizione tra rendite e profitti; come egli sottolineò un aumento delle rendite riduce il profitto imprenditoriale, generando un conflitto nella distribuzione del sovrappiù. Nell'analisi di Marx, invece, la rendita scompare (o comunque non riveste quel ruolo preponderante che essa assumeva nell'analisi ricardiana) ed il vero conflitto distributivo consiste nella ripartizione del reddito tra salari e profitti, con tutte le implicazioni politiche e sociali che da tale analisi derivano.
Gli evidenti conflitti distributivi messi in luce dalla teoria marxiana, portarono gli economisti neoclassici (v.) ad impostare diversamente il problema della distribuzione del reddito, pur riallacciandosi alla teoria ricardiana della distribuzione ed in particolare al concetto di produttività marginale (v.) messo in evidenza dall'economista inglese. Tuttavia, mentre per Ricardo il concetto di produttività marginale era associato soltanto al fattore terra, i neoclassici l'estesero all'analisi di tutti gli altri fattori della produzione.
Secondo i neoclassici, infatti, poiché il prodotto è il risultato della combinazione di diversi fattori produttivi, il reddito sarà distribuito a ciascuno di essi nella misura del contributo apportato al processo produttivo in base, cioè, al valore della loro produttività marginale.
Attraverso la teoria della produttività marginale gli economisti neoclassici risolvono il problema del sovrappiù. Se infatti ogni fattore produttivo è remunerato secondo il contributo apportato al processo produttivo, saranno soddisfatti due principi fondamentali:
dell'efficienza, in quanto il reddito sarà effettivamente distribuito solo a fattori che hanno concorso alla produzione;
dell'equità, in quanto ad ognuno toccherà una remunerazione pari al contributo apportato.
La critica alla teoria neoclassica della distribuzione del reddito è stata arricchita soprattutto da Sraffa (v.) e sostenuta dai neoricardiani (v.). Le due idee cardini della loro critica sono:
— il capitale non può essere definito come qualcosa di omogeneo, in quanto è composto da beni molto diversi tra loro ciò rende difficile sottoporlo alla regola della produttività marginale;
— non è assolutamente provato che un aumento del fattore capitale (tenuti costanti gli altri fattori produttivi) ne riduce la produttività marginale e, di conseguenza, il tasso di remunerazione.
Se si suppone che diminuisca il profitto non si può semplicemente affermare che il valore dei beni capitali è diminuito poiché si determinerà una variazione di tutti i beni capitali.
In particolare:
— i beni prodotti con alta intensità di capitale subiranno una riduzione di prezzo;
— i beni prodotti con alta intensità di lavoro aumenteranno di valore.
Per questo motivo non è corretto affermare che, all'aumentare della dotazione di capitale, vi sarà una variazione nel valore del capitale stesso. Importanti i contributi al dibattito relativo alla distribuzione del reddito si devono, inoltre, a Kalecki (v.) e Kaldor (v.).
Il primo, abbandonando le ipotesi neoclassiche della piena mobilità dei fattori produttivi e l'idea che in regime di concorrenza perfetta (v.) i prezzi siano determinati da libero gioco della domanda e dell'offerta, pone in evidenza come la determinazione dei salari e dei profitti sia influenzata da altre variabili. In un moderno sistema economico il salario monetario è determinato dalla contrattazione collettiva sostenuta dai sindacati. La grandezza fondamentale non sono tuttavia i salari monetari, bensì quelli reali che sono dati dal rapporto tra il salario ed i prezzi.
Per Kalecki questi ultimi sono fissati dall'impresa prendendo in considerazione la media dei suoi costi ed i prezzi praticati dalle altre imprese che operano nel medesimo settore. È chiaro che quanto maggiore sarà il potere di mercato dell'impresa tanto più elevati saranno i prezzi che potrà imporre, determinando un aumento dei profitti ed una riduzione dei salari reali; si determinerà così una distribuzione del reddito tra salari e profitti che non risulta in alcun modo legata al concetto neoclassico di produttività marginale.
Nell'elaborazione dell'analisi kaldoriana, invece, si parte dalla constatazione che in una moderna economia capitalistica si opera in condizioni di pieno impiego (a causa delle politiche di sostegno all'occupazione attuate dai vari governi nazionali) per cui ogni aumento degli investimenti, non potendo generare un più alto volume produttivo, si ripercuoterà unicamente sui prezzi e quindi sui profitti dei capitalisti. In quest'ottica l'unica grandezza che è in grado di influenzare la distribuzione del reddito sono gli investimenti (attraverso gli effetti che essa determina sui prezzi); una volta determinati i prezzi (ed i profitti) il salario sarà considerato semplicemente come un reddito residuale.
È da notare che secondo questa teoria soltanto i capitalisti possono risparmiare una quota tanto elevata del loro reddito da incidere sensibilmente sul volume degli investimenti; le cause di tale affermazione sono ovvie se si tiene conto delle differenze che esistono tra il reddito percepito e quello utilizzato per consumi dai capitalisti e dalle somme che vengono periodicamente accantonate dalle imprese per investimenti futuri.