Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
M-D-M
M-Form
M1, M2, M3
MA
Maastricht
Macrodato
Macroeconomia
MAD
Maggioranza, paradosso della
Mali
Malinvaud, Edmond
Malthus, Thomas Robert
Malthusianesimo
Management
Manchesterismo
Manifesto di carico
Mano invisibile
Manovra di bilancio
Mansioni
Mantissa
Mappa d'indifferenza
Marca
Marché à terme des instruments financiers
Marginal cost pricing
Marginal lending facilities
Marginalismo
Margine delle fluttuazioni
Mark up
Market maker
Market oriented
Marketing
Marketing audit
Marketing concentrato
Marketing dei servizi
Marketing differenziato
Marketing indifferenziato
Marketing industriale
Marketing internazionale
Marketing mix
Marketing operativo
Marketing strategico
Markov, catena di
Markowitz, Harry
Marris, teoria dell'impresa di
Marshall - Lerner, condizione di
Marshall, Alfred
Marx, Karl
Marxisti
Massima verosomiglianza, metodo della
Massimale sugli impieghi
Massimi e minimi
Massimizzazione
Massimizzazione del profitto
Matematica finanziaria ed attuariale
Materie prime
MATIF
Matrice
Matrice delle varianze e covarianze
Matrice delle vendite
Matrice payoff
Maturità economica
Maximin
MBO
MCW
Meade, James Edward
Media
Media aritmetica
Media armonica
Media campionaria
Media geometrica
Media mobile
Media mobile [modello]
Media planning
Media ponderata
Mediana
Menger, Karl
Menu costs
Mercantilismo
Mercati contendibili
Mercati d'asta
Mercati efficienti, teoria dei
Mercati regolamentati
Mercato
Mercato a pronti
Mercato a termine
Mercato after hours
Mercato aperto
Mercato comune
Mercato comune bancario
Mercato Comune del Cono Sud dell'America Latina
Mercato comune europeo
Mercato dei cambi
Mercato dei capitali
Mercato del lavoro
Mercato di sportello
Mercato diretto
Mercato finanziario
Mercato grigio
Mercato interbancario
Mercato interno
Mercato italiano dei futures
Mercato locale
Mercato mobiliare
Mercato monetario
Mercato nero
Mercato non regolamentato
Mercato obbligazioni e titoli
Mercato parallelo
Mercato primario
Mercato privato
Mercato ristretto
Mercato secondario
Mercato telematico azionario
Mercato telematico dei contratti a premio
Mercato telematico dei covered warrant
Mercato telematico delle euro-obbligazioni
Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato
Mercato telematico secondario dei titoli di Stato
Mercato valutario
Merce
Merchandising
Merchant bank
Merci a dogana
Merci a dogana controllata
Merci a licenza
MERCOSUR
Merit goods
Merton, Robert K.
MES
Meso-economia
Metodi di ricampionamento
Metodo Cross-validation
Metodo dei fattori chiave
Metodo dei minimi quadrati
Metodo dei momenti
Metodo della massima verosomiglianza
Metodo Delphi
Metodo Jackknife
Metodo Monte Carlo
Metzler, Lloyd
Mezzi di produzione
MIB
MIB 30
MIBTEL
Microdato
Microeconomia
Microimpresa
Midex
MIF
MIGA
Miglioramento paretiano
Mill, John Stuart
Miller, Merton
Mincomes
Minimax
Minimi quadrati, metodo dei
Minimizzazione
Minimo
Minimum tax
Ministero del bilancio e della programmazione economica
Ministero del commercio con l'estero
Ministero del tesoro
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
Ministero dell'economia e delle finanze
Ministero delle finanze
Minsky, Hyman P.
Mir
Mirless, James A.
Mises, Ludwig von
Mishan, Ezra
Mitbestimmung
MITI
Mobilità
Mobilità dei capitali
Mobilizzazione della riserva obbligatoria
Moda
Modalità
Modelli a ritardi distribuiti
Modelli ARIMA
Modelli armonici
Modelli cross-section
Modelli econometrici
Modelli lineari
Modelli linearizzabili
Modelli polinomiali
Modelli VAR
Modello
Modello deterministico
Modello di Cournot
Modello di Mundell-Fleming
Modello di oligopolio di Sylos-Labini
Modello di regressione
Modello di regressione multipla
Modello di regressione semplice
Modello di Stackelberg
Modello di sviluppo di Harrod
Modello di Tiebout
Modello di Williamson
Modello dinamico
Modello economico
Modello in forma ridotta
Modello in forma strutturale
Modello inglese
Modello Logit
Modello Probit
Modello statico
Modello statistico
Modello stocastico
Modello tedesco
Modigliani, Franco
Modigliani-Miller, teorema di
Moltiplicatore
Moltiplicatore degli investimenti
Moltiplicatore dei depositi
Moltiplicatore del credito
Moltiplicatore del gettito fiscale
Moltiplicatore della spesa pubblica
Moltiplicatore delle esportazioni
Momenti
Momenti, metodo dei
Moneta
Moneta ad alto potenziale
Moneta bancaria
Moneta commerciale
Moneta elettronica
Moneta legale
Moneta merce
Moneta precauzionale
Moneta segno
Moneta speculativa
Moneta sussidiaria
Moneta transattiva
Monetaristi
Monetizzazione del disavanzo pubblico
Monometallismo
Monopolio
Monopolio bilaterale
Monopolio fiscale
Monopolio legale
Monopolio naturale
Monopsonio
Montante
Monte Carlo, metodo
Monte salari
Monti di credito su pegno
Monti di pietà
Moody's
Morag, teorema di
Moral hazard
Morgenstern, Oscar
Mortalità, quoziente di
MOT
Movimenti di capitale
Movimento della popolazione
Movimento migratorio
MTA
MTM
MTS
Multicollinearità
Multidimensional scaling
Multifibre, accordo
Multilateral investment guarantee agency
Multilateralismo
Multinazionale
Mundell, Robert Alexander
Mutabili
Mutabilità, indici di
Mutua variabilità
Myrdal, Karl Gunnar




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Distribuzione funzionale

Espressione riferita alla ripartizione del reddito nazionale (v.) fra i fattori che partecipano al processo produttivo.
In particolare il reddito viene distribuito sotto forma di:
salari (v.), quando ad essere remunerato è il fattore produttivo lavoro;
rendite (v.), quando viene remunerato il proprietario del fattore produttivo terra;
profitti (v.), quando la retribuzione spetta all'imprenditore per le sue capacità organizzative;
interessi (v.), quando si remunera il fattore capitale per il contributo che fornisce al processo produttivo.
La distribuzione funzionale del reddito è stata oggetto di analisi sia da parte di economisti classici che neoclassici, anche se il loro approccio al problema è profondamente diverso.
Nell'analisi degli economisti classici, ed in particolare di Ricardo (v.) e Marx (v.), vi è una netta distinzione tra quella parte del reddito nazionale che deve essere utilizzata per reintegrare i fattori produttivi utilizzati nel processo produttivo precedente e ciò che, invece, costituisce un sovrappiù (v.): sarà proprio la distribuzione di quest'ultima grandezza a rappresentare uno dei nodi centrali del dibattito economico.
Per gli economisti classici, infatti, alla ripartizione del reddito nazionale concorrono tre diverse classi sociali (per questo motivo l'analisi classica della distribuzione del reddito viene anche definita distribuzione sociale del reddito): i lavoratori, i proprietari terrieri e gli imprenditori che vengono remunerati rispettivamente attraverso il salario, la rendita ed i profitti (nell'analisi classica quest'ultima categoria ricomprende anche gli interessi in quanto nella prima metà dell'Ottocento non era ben distinta la funzione dell'imprenditore da quella del capitalista ovvero tra colui che organizza i fattori della produzione e colui che fornisce i capitali per poter avviare il processo produttivo).
Poiché il salario è fissato al livello di sussistenza, la parte residua del reddito non distribuito serve a remunerare i proprietari terrieri, in quanto possessori del fattore produttivo terra, e gli imprenditori.
Per entrambi gli autori il salario era fissato al livello di sussistenza anche se i motivi che determinano questa ipotesi sono diversi. In particolare:
— per Ricardo tale livello è assicurato dall'operare della trappola malthusiana (v.). Secondo quest'ultima, infatti un maggior reddito dei lavoratori avrebbe determinato una crescita della popolazione che a sua volta, nel lungo periodo avrebbe determinato una maggiore offerta di lavoro e quindi una riduzione dei salari, che sarebbero ritornati al livello di sussistenza;
per Marx il salario è fissato al livello di sussistenza per motivi caratteristici del sistema capitalistico. Se l'offerta di lavoro è superiore alla sua domanda l'imprenditore può assumere operai ad un basso livello di salario (intorno al livello di sussistenza) e quindi assicurarsi un alto tasso di profitto. Gli alti profitti costituiscono un incentivo per l'imprenditore ad aumentare la capacità produttiva della propria azienda assumendo nuovi operai. Tuttavia, all'aumentare del numero di operai impiegati si creerà una riduzione dell'offerta di lavoro rispetto alla domanda per cui i lavoratori potranno richiedere salari più alti, riducendo il margine di profitto degli imprenditori. Questi ultimi, in presenza di una riduzione dei propri guadagni, tenderanno ad introdurre metodi di lavoro che danno un ruolo preponderante ai macchinari rispetto al lavoro, provocando un nuovo aumento della disoccupazione che riporterà il salario al livello di sussistenza.
Nell'analisi di Ricardo il vero conflitto nella distribuzione del reddito era rappresentato dalla ripartizione tra rendite e profitti; come egli sottolineò un aumento delle rendite riduce il profitto imprenditoriale, generando un conflitto nella distribuzione del sovrappiù. Nell'analisi di Marx, invece, la rendita scompare (o comunque non riveste quel ruolo preponderante che essa assumeva nell'analisi ricardiana) ed il vero conflitto distributivo consiste nella ripartizione del reddito tra salari e profitti, con tutte le implicazioni politiche e sociali che da tale analisi derivano.
Gli evidenti conflitti distributivi messi in luce dalla teoria marxiana, portarono gli economisti neoclassici (v.) ad impostare diversamente il problema della distribuzione del reddito, pur riallacciandosi alla teoria ricardiana della distribuzione ed in particolare al concetto di produttività marginale (v.) messo in evidenza dall'economista inglese. Tuttavia, mentre per Ricardo il concetto di produttività marginale era associato soltanto al fattore terra, i neoclassici l'estesero all'analisi di tutti gli altri fattori della produzione.
Secondo i neoclassici, infatti, poiché il prodotto è il risultato della combinazione di diversi fattori produttivi, il reddito sarà distribuito a ciascuno di essi nella misura del contributo apportato al processo produttivo in base, cioè, al valore della loro produttività marginale.
Attraverso la teoria della produttività marginale gli economisti neoclassici risolvono il problema del sovrappiù. Se infatti ogni fattore produttivo è remunerato secondo il contributo apportato al processo produttivo, saranno soddisfatti due principi fondamentali:
dell'efficienza, in quanto il reddito sarà effettivamente distribuito solo a fattori che hanno concorso alla produzione;
dell'equità, in quanto ad ognuno toccherà una remunerazione pari al contributo apportato.
La critica alla teoria neoclassica della distribuzione del reddito è stata arricchita soprattutto da Sraffa (v.) e sostenuta dai neoricardiani (v.). Le due idee cardini della loro critica sono:
— il capitale non può essere definito come qualcosa di omogeneo, in quanto è composto da beni molto diversi tra loro ciò rende difficile sottoporlo alla regola della produttività marginale;
— non è assolutamente provato che un aumento del fattore capitale (tenuti costanti gli altri fattori produttivi) ne riduce la produttività marginale e, di conseguenza, il tasso di remunerazione.
Se si suppone che diminuisca il profitto non si può semplicemente affermare che il valore dei beni capitali è diminuito poiché si determinerà una variazione di tutti i beni capitali.
In particolare:
— i beni prodotti con alta intensità di capitale subiranno una riduzione di prezzo;
— i beni prodotti con alta intensità di lavoro aumenteranno di valore.
Per questo motivo non è corretto affermare che, all'aumentare della dotazione di capitale, vi sarà una variazione nel valore del capitale stesso. Importanti i contributi al dibattito relativo alla distribuzione del reddito si devono, inoltre, a Kalecki (v.) e Kaldor (v.).
Il primo, abbandonando le ipotesi neoclassiche della piena mobilità dei fattori produttivi e l'idea che in regime di concorrenza perfetta (v.) i prezzi siano determinati da libero gioco della domanda e dell'offerta, pone in evidenza come la determinazione dei salari e dei profitti sia influenzata da altre variabili. In un moderno sistema economico il salario monetario è determinato dalla contrattazione collettiva sostenuta dai sindacati. La grandezza fondamentale non sono tuttavia i salari monetari, bensì quelli reali che sono dati dal rapporto tra il salario ed i prezzi.
Per Kalecki questi ultimi sono fissati dall'impresa prendendo in considerazione la media dei suoi costi ed i prezzi praticati dalle altre imprese che operano nel medesimo settore. È chiaro che quanto maggiore sarà il potere di mercato dell'impresa tanto più elevati saranno i prezzi che potrà imporre, determinando un aumento dei profitti ed una riduzione dei salari reali; si determinerà così una distribuzione del reddito tra salari e profitti che non risulta in alcun modo legata al concetto neoclassico di produttività marginale.
Nell'elaborazione dell'analisi kaldoriana, invece, si parte dalla constatazione che in una moderna economia capitalistica si opera in condizioni di pieno impiego (a causa delle politiche di sostegno all'occupazione attuate dai vari governi nazionali) per cui ogni aumento degli investimenti, non potendo generare un più alto volume produttivo, si ripercuoterà unicamente sui prezzi e quindi sui profitti dei capitalisti. In quest'ottica l'unica grandezza che è in grado di influenzare la distribuzione del reddito sono gli investimenti (attraverso gli effetti che essa determina sui prezzi); una volta determinati i prezzi (ed i profitti) il salario sarà considerato semplicemente come un reddito residuale.
È da notare che secondo questa teoria soltanto i capitalisti possono risparmiare una quota tanto elevata del loro reddito da incidere sensibilmente sul volume degli investimenti; le cause di tale affermazione sono ovvie se si tiene conto delle differenze che esistono tra il reddito percepito e quello utilizzato per consumi dai capitalisti e dalle somme che vengono periodicamente accantonate dalle imprese per investimenti futuri.