Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
318 Concorso 60 Coadiutori Parlamentari al Senato - La prova preliminare<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 896 € 36,00</span> 4/2 Schemi & Schede di Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XII, pag. 336 € 18,00</span> 328/8 Il Concorso negli Enti Locali - Teoria e Test<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VI, pag. 752 € 36,00</span> 511/1 Quattro Codici Editio Minor - Civile e Procedura Civile - Penale e Procedura Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >Settembre 2019 XVI, pag. 1824 € 26,00</span>
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Legalità [principio di]
Principio in virtù del quale i pubblici poteri sono soggetti alla legge. Il principio di (—) si lega indissolubilmente all'affermazione dello Stato di diritto: a differenza dello Stato assoluto, in cui la sovranità coincide con la volontà illimitata del sovrano, nello Stato di diritto si afferma il principio della legittimità del potere che si traduce nell'esigenza di assoggettare lo Stato al diritto, eliminando ogni possibilità di un suo agire arbitrario.
Nella dottrina contemporanea il principio viene inteso in diverse accezioni:
— gli atti dei pubblici poteri (provvedimenti puntuali e concreti, atti normativi del potere esecutivo, sentenze) non possono contenere disposizioni in contrasto con la legge. Si parla, in tal caso, di una preferenza della legge o di supremazia della legge rispetto agli atti dei poteri esecutivo e giurisdizionale;
— gli atti dei pubblici poteri devono trovare il loro fondamento positivo, devono essere autorizzati dalla legge. Si parla, in tal caso, di (—) in senso formale;
— gli atti dei pubblici poteri devono essere disciplinati compiutamente dalla legge. Si parla, in tal caso, di (—) in senso sostanziale.
La prima accezione del principio di (—) segnò le fasi iniziali dell'affermazione dello Stato di diritto, durante le quali l'esigenza di assoggettare lo Stato al diritto si ritenne fosse soddisfatta a condizione che l'azione dei pubblici poteri si svolgesse in maniera non contrastante con la legge.
Nel nostro ordinamento positivo, il principio della preferenza di legge trova riscontro, per quanto riguarda gli atti giurisdizionali, nell'art. 111, co. 7 Cost., in base al quale contro le sentenze degli organi giurisdizionali ordinari e speciali [Giudice (ordinario); Giudice (speciale)] è sempre possibile ricorrere in Cassazione per violazione di legge. Per quanto riguarda, invece, gli atti del potere esecutivo, l'art. 4 disp. prel. c.c. dispone che i regolamenti dell'esecutivo [Regolamenti] non possono contenere norme contrarie alle disposizioni delle leggi, mentre l'art. 5 L. 2248/1865, all. E, chiarisce che le autorità giudiziarie applicheranno gli atti amministrativi ed i regolamenti generali e locali, in quanto siano conformi alle leggi. Il principio di (—) in senso formale non trova un'esplicita affermazione nella legge o nella Costituzione, ma può ricavarsi dai principi fondamentali del nostro ordinamento costituzionale. La nostra è una forma di governo parlamentare mista [Forma di governo], in cui la sovranità popolare [Sovranità] si esprime prevalentemente nella elezione delle assemblee rappresentative (Parlamento), nei confronti delle quali soltanto sussiste la responsabilità politica del Governo [Responsabilità (politica)] per tutti i suoi atti. Ne consegue la necessità di una previa autorizzazione legislativa a tutti i poteri dell'esecutivo e agli atti che ne derivano.
Il principio di (—) in senso sostanziale è espressamente statuito solo in materia penale (art. 25 Cost.). Tale principio si rivolge al legislatore, imponendogli di disciplinare in modo compiuto una determinata materia in modo da delimitare la discrezionalità dei pubblici poteri o addirittura da annullarla (vincolando, così, il potere a quanto fissato nella legge). La (—) sostanziale non può non avere rango costituzionale e vincola il legislatore solo se la Costituzione in cui trova posto è una Costituzione rigida [Costituzione].
I riferimenti fatti ai sistemi a Costituzione rigida consentono di precisare che nel nostro ordinamento il principio di (—) finisce per condizionare non solo il potere esecutivo e quello giurisdizionale, ma anche quello legislativo. In base all'art. 134 Cost., infatti, la legge ordinaria [Legge] non può violare la Costituzione e le altre leggi costituzionali e le controversie insorte sulla legittimità costituzionale della legge sono affidate e risolte da un apposito organo, la Corte Costituzionale.
() nel diritto amministrativo (d. amm.)
Il principio di (—) afferma la corrispondenza dell'attività amministrativa alle prescrizioni di legge. Esso costituisce un principio generale dell'ordinamento italiano, che attiene particolarmente ai rapporti fra legge ed attività amministrativa (FOIS).
Il principio di (—) può essere inteso sostanzialmente in tre modi diversi:
— in senso debolissimo, può dirsi conforme alla legge ogni atto che non si ponga in contrasto con la legge;
— in senso debole, è conforme alla legge ogni atto che sia positivamente fondato sulla legge ((—) formale);
 in senso forte, è conforme alla legge ogni atto la cui forma e il cui contenuto siano predeterminati dalla legge, almeno nelle loro linee essenziali ((—) sostanziale).
La (—) sostanziale implica che il legislatore debba disciplinare compiutamente i pubblici poteri e in tal modo esso si sovrappone all'istituto della riserva di legge, sia essa assoluta o relativa. Nelle materie non coperte da riserva (peraltro assai rare), il principio di (—) si atteggia in senso formale come necessità della previa norma di legge attributiva del potere.
La dottrina ha ricercato un fondamento positivo al principio di (—), talvolta ritenendolo implicito nelle numerose riserve di legge disseminate nella Costituzione (artt. 13 ss., art. 23): in particolare, tale principio si ricaverebbe dall'art. 97 Cost. il quale, stabilendo che l'organizzazione dei pubblici uffici segue le disposizioni di legge, porrebbe la legge su una posizione di supremazia rispetto all'attività di tali uffici. In questo modo, però, il fondamento di tale principio sarebbe ristretto ai soli settori coperti da riserva di legge e non avrebbe portata generale.
Secondo altri autori il principio si ricaverebbe dagli artt. 24 e 113, che sanciscono il controllo del giudice sull'attività della P.A. e, per implicito, la sua non esercitabilità in contrasto con la legge.
Secondo Fois, la norma costituzionale che implicitamente stabilisce il principio di (—) dell'azione amministrativa è l'art. 101 Cost., in quanto secondo tale articolo la giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti soltanto alla legge. Tale norma implica la soggezione del giudice non a qualsiasi norma giuridica, ma soltanto alla legge in senso tecnico: il giudice, nel decidere una controversia, potrà quindi applicare diritto oggettivo diverso da quello legislativo, solo se le regole di quel diritto siano previste e conformi alla legge. Esso, quindi, potrà dare applicazione a norme amministrative solo se conformi alla legge. Questo principio, ricondotto nell'ambito della separazione dei poteri, sottopone l'azione della P.A. oltre che alla Costituzione, anche alle leggi che, in un sistema di tipo parlamentare, costituiscono l'espressione più rappresentativa della volontà del popolo (Sandulli).
La P.A., pertanto, al di fuori dei casi stabiliti dalla legge, non può godere di nessuna posizione di potere, privilegio o di favore. Il principio in parola, inoltre, costituisce una garanzia a che le norme riguardanti l'organizzazione amministrativa, le funzioni degli impiegati etc., siano previste in via generale dalla legge e non dal potere amministrativo.
Conseguenze di questo principio - richiamato dallo stesso art. 1 della legge 241/1990 sul procedimento amministrativo, ove si statuisce che l'attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge - sono:
— la tipicità e nominatività dei provvedimenti amministrativi (non sono cioè ammessi provvedimenti atipici o innominati);
— l'eccezionalità dell'esecutorietà del provvedimento amministrativo;
— l'eccezionalità degli atti amministrativi destinati a formare certezza legale privilegiata.
() nel diritto penale (d. pen.)
Principio generale del diritto penale che importa il divieto di punire qualsiasi fatto che, al momento della commissione, non sia espressamente previsto come reato e di sanzionarlo con pene che non siano dalla legge espressamente previste (art. 25 Cost.; art. 1 c.p.) Il nostro ordinamento adotta, dunque, il principio di (—) formale tipico degli ordinamenti democratici, a differenza della (—) sostanziale, secondo la quale costituisce reato qualunque fatto socialmente pericoloso, anche se non previsto dalla legge.
Se, infatti, il principio di (—) sostanziale consente una più efficace tutela della società, colpendo condotte effettivamente lesive dei suoi interessi ed evitando l'arbitrio del legislatore nella scelta delle condotte penalmente rilevanti, per converso si fonda su una nozione di reato desumibile da fonti extralegali (es. la coscienza sociale), ledendo la certezza del diritto e consentendo le forme più gravi di arbitrio. Se dunque la funzione del diritto penale è, ad un tempo, quella di sanzionare in relazione alla colpevolezza, ma anche di prevenire la ricaduta nel reato e di portare a conoscenza dei consociati le condotte penalmente rilevanti, perché non siano da essi realizzate, più adatta a tale funzione è la (—) formale, con cui si evita ogni arbitrio giudiziario e si assicura la certezza e l'uguaglianza nell'applicazione del diritto, a garanzia della libertà degli individui.
Il principio di (—) si scompone nei seguenti fondamentali corollari:
— il principio della riserva di legge in materia penale, che comporta il divieto di punire un determinato fatto in assenza di una legge preesistente che lo configuri come reato;
— il principio nulla poena sine lege, in forza del quale il tipo e la durata (tra un limite minimo e un limite massimo) della pena da irrogare per ogni fattispecie di reato devono essere sempre predeterminati dalla legge;
— il principio di tassatività, che indica il dovere del legislatore di formulare la norma penale in modo preciso, ovvero in modo che dalla lettura della stessa si evinca chiaramente ciò che è penalmente lecito e ciò che è penalmente illecito;
— il principio di irretroattività [Successione (delle leggi penali)], che sancisce il divieto di applicare la legge penale a fatti commessi prima della sua entrata in vigore;
— il divieto di analogia in materia penale.