Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
32 Manuale di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XIX, pag. 320 € 24,00</span> 54A/9 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IX, pag. 176 € 15,00</span> 32/1 Compendio di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XV, pag. 256 € 17,00</span> 22 Diritto Canonico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 VIII, pag. 320 € 24,00</span> 222/1 Elementi di Diritto Canonico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2008 , pag. 128 € 8,00</span> 32/2 Schemi & Schede di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2007 , pag. 224 € 14,00</span>
Padrini
Pallio
Parrocchia
Parroco
Patriarca
Patti Lateranensi
Pene canoniche
Penitenza
Penitenze
Penitenzieria apostolica
Perdita dello stato clericale
Perdita dell’ufficio ecclesiastico
Personalità giuridica canonica
Persone giuridiche canoniche
Pie fondazioni
Pie volontà
Placet
Ponente
Pontefice
Popolo di Dio
Postulazione
Potestà di governo
Potestà giudiziaria della Chiesa
Povertà
Precetti singolari
Precetto festivo
Predicazione
Prefettura apostolica
Prelatura personale
Prelatura territoriale
Presbitero
Prescrizione della pena canonica
Presentazione
Primate
Primato
Privazione
Privilegio
Privilegio paolino
Processo canonico
Professione di fede
Professione religiosa
Promessa di matrimonio
Promotore di giustizia
Province ecclesiastiche
Provvista dell’ufficio ecclesiastico
Pubblicazioni



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico
Pene canoniche can. 1312-1363 c.j.c.

Privazione di un bene, spirituale o temporale, inflitta dall’autorità legittima al fine di correggere il reo e di punire il delitto commesso.
Le (—) sono:
— le pene medicinali o censure;
— le pene espiatorie.
Le pene vengono distinte in:
— pene ferendæ sententiæ quando non costringono il reo se non dopo che siano state inflitte (ed è la regola);
— pene latæ sententiæ quando, per espressa menzione della legge o dei precetti che comminano la (—), vi si incorre per il fatto stesso d’aver commesso il delitto.
Sono inoltre impiegati rimedi penali (per prevenire i delitti) e penitenze (per sostituire la pena o in aggiunta ad essa).
Sono pene medicinali:
— la scomunica;
— l’interdetto;
— la sospensione.
I divieti posti con le varie censure sono sospesi quando si debba provvedere ai fedeli in pericolo di morte.
Le pene espiatorie tendono all’espiazione della colpa. Possono essere perpetue o temporali. Esse sono:
— la proibizione o l’ingiunzione di dimorare in un determinato luogo;
— la privazione della potestà, dell’ufficio, dell’incarico, o la proibizione di esercitarli in un determinato luogo o fuori di esso, ma mai sotto pena di nullità;
— il trasferimento penale ad altro ufficio;
— la dimissione dallo stato clericale.
I rimedi penali previsti dal Codice sono due:
— l’ammonizione consistente in un richiamo autoritativo tendente a prevenire in un fedele un comportamento delittuoso;
— la riprensione cioè un rimprovero autoritativo tendente a far cessare in un fedele un comportamento antiecclesiale che faccia sorgere scandalo o grave turbamento dell’ordine pubblico.
La penitenza, che a volte sostituisce la pena e a volte le si aggiunge, consiste in qualche opera di religione, di pietà o di carità.
Le (—) in genere cessano allorquando una legge successiva abroga la legge precedente che prevedeva le pene stesse.
Va aggiunto che, qualora una legge successiva sia più favorevole al reo, circa la natura, la durata o la quantità della pena, si dovrà ovviamente applicare tale legge.
Le (—) inflitte a tempo determinato cessano allo scadere del tempo medesimo.
Tutti coloro che possono dispensare da una legge penale, o esentare da un precetto, possono anche rimettere la pena, così come può farlo colui al quale tale potestà è data dalla legge o dal precetto.
L’azione penale si estingue per prescrizione triennale a meno che non si tratti di delitti riservati alla Congregazione per la dottrina della Fede ovvero di delitti per cui il Codice o la legge particolare abbiano stabilito un termine diverso.